Home » Materie plastiche » PVC » PVC (CLORURO DI POLIVINILE)

PVC (CLORURO DI POLIVINILE)

Share |

FORMATI PVC (CLORURO DI POLIVINILE)

Lastre rigide

Dimensione (mm) Diametro (mm) Colore
1000 x 2000  1 ÷ 50 grigio
1000 x 2000 1 ÷ 40 bianco
1000 x 2000 1 ÷ 40 nero
1000 x 2000 2 ÷ 30 rosso


Barre tonde

Lunghezza (mm) Diametro (mm) Colore
500 300  grigio - nero - rosso
1000 225 ÷ 250 grigio - nero
2000 6 ÷ 200  grigio - nero - rosso


Manicotti forati

Lunghezza (mm) Spessore (mm)
2000 10 x 30 ÷ 160 x 250


Barre quadrate, esagonali, rettangolari 

a richiesta


PVC flessibile trasparente in rotoli

- Lunghezza rotoli 20 mt

Altezza (mm)     Spessore (mm)
1000 1
1000 - 1200 - 1300 - 1500 2 - 3 - 4 - 5 - 6
2000 - 2200 3 - 4 - 5


PVC flessibile trasparente in strisce
- Lunghezza rotoli 50 mt

Altezza (mm) Spessore (mm)
200 (anche Polar) / 300 2
300 (anche Polar) / 400 3
400 4


Tagli

su misura

Lastre e barre PVC (CLORULO DI VINILE) - Uciesse

Compila il form
per richiedere la scheda tecnica

CARATTERISTICHE

  • Il PVC rigido appartiene alla categoria dei termoplastici ed ha una struttura amorfa, presenta un’elevata solidità ed un alto modulo di elasticità
  • Più duro rispetto alle poliolefine
  • Ha un’elevata resistenza chimica alla maggior parte degli acidi diluiti o concentrati
  • Ottime caratteristiche elettriche, soprattutto nel campo delle basse tensioni e delle frequenze
  • Buona resistenza al fuoco (è autoestinguente)
  • Facilità di lavorazione alle macchine utensili sia per saldatura a caldo o con lama calda

APPLICAZIONI 

Il PVC è impiegato nel settore della chimica galvanica e petrolifera per la costruzione di valvole, flange, ingranaggi e vasche industriali.
La stabilità alle intemperie e le buone caratteristiche dielettriche lo rendono utilizzabile nel settore elettrico.
Nel settore meccanico è utilizzato per la sua resistenza in ambienti corrosivi.
Il PVC rigido è inerte dal lato fisiologico, la possibilità di impiegare i prodotti nel settore alimentare dipende esclusivamente dal tipo di stabilizzazione.

I SUOI LIMITI

  • Rispetto al polipropilene resiste meno agli urti e alle temperature
  • Si utilizza con temperature tra i –10°C e +60°C
  • L’elevato peso specifico ne riduce l’economicità
  • Ne viene ridotto l’uso in parecchi paesi per motivi ecologici sostituendolo con il polipropilene o altri polimeri


Powered by Mk Media - Sitemap - rss RSS